Recuperare mail cancellate: tutto quello che serve sapere

0
258
cassette delle lettere di diverse forme

È possibile recuperare mail cancellate per sempre? Quasi sempre, ma dipende da provider a provider

Retrò ma non troppo, lo strumento Mail sta avendo la forza di sopravvivere in questa epoca di continui rinnovamenti, senza mai perdere colpi.

Dal telefono fisso al cellulare, Dagli SMS a Whatsapp, da desktop side first a mobile first, dal fax a… niente! E la mail, ballando sui cadaveri dei suoi ex colleghi, vanta invece di una posizione di prestigio nel panorama sia personale che lavorativo di oggi.

Ecco perché perdere una mail importante può tradursi in gravi conseguenze. E sapere che cosa fare per recuperare una mail cancellata o persa (o forse fuggita) può salvare dai guai.

Diverso provider, diversa soluzione

Non esiste un’unica soluzione per trovare mail cancellate, ma varia infatti in base al proprio provider. Ecco quindi che Gmail sarà diverso da Outlook che sarà diverso da Yahoo Mail e via dicendo.

Andiamo quindi ad analizzare i metodi per i più importanti provider mail.

Recupero mail da Gmail

Il servizio mail del gigante di Mountain View possiede un salvataggio automatico dei messaggi cestinati per 30 giorni.

Marchio Google riprodotto con caramelle M&M's

Questo vuol dire che, andando ad eliminare uno o più messaggi di posta elettronica, questi saranno spostati nel cestino. Qui verranno conservati per i successivi 30 giorni dalla data di eliminazione.

A questo punto sarà sufficiente accedere alla cartella Cestino e selezionare i messaggi da ripristinare, spostandoli nella Posta in Entrata.

Dopo i 30 giorni brutte notizie: la mail verrà quasi sicuramente cancellata dal proprio account Gmail. L’unico tentativo possibile a questo punto diventa rivolgersi direttamente al team Google, nonostante il servizio nasca per problemi relativi alla compromissione del proprio account.

In questo caso non si avrà la certezza di poter riavere indietro i propri messaggi, ma tentare non costa nulla.

Per informazioni più precise consultare la pagina Google riguardante:

Recupero mail da Outlook

Come per Gmail, anche le e-mail nel cestino di Outlook hanno una durata di vita fissata a 30 giorni, dopodiché Microsoft mette in atto la pulizia.

Prima dei 30 giorni sarà perciò sufficiente ripristinarle dalla cartella Elementi Eliminati verso la Posta in arrivo.

E questo vale anche per eventuali contatti, promemoria nel calendario o tasks cestinati.

Se non è possibile trovare il file cercato, non è ancora tempo di disperarsi, perché esiste un altro posto dove è possibile che la vostra mail si trovi: la cartella Elementi Ripristinabili.

MA attenzione! Non tutti gli utenti dispongono di questo optional, perché dipende dalla propria versione di Outlook.

Se sei nel gruppo degli users fortunati, questa locazione nasce per contenere tutti quegli elementi che sono stati eliminati dal cestino.

Bisognerà quindi fare click sulla cartella Elementi Eliminati, selezionando la scheda home, visualizzare l’opzione “Recupera elementi eliminati dal server”. A questo punto cliccare e procedere al ripristino.

Il tutto dovrà sempre avvenire entro i 30 giorni dalla data di eliminazione della mail tanto cercata.

Se invece

  • fai invece parte degli sfortunati senza quest’ultima opzione
  • i 30 giorni sono già trascorsi

l’unico altro consiglio è quello di rivolgersi all’assistenza Outlook, illustrando loro il problema.

Per approfondire e saperne di più, visitare la pagina di supporto Microsoft

Recupero mail da Yahoo! Mail

A differenza dei suoi colleghi, il servizio mail di Yahoo! è capace di conservare gli elementi cancellati per un massimo di 24 ore.

recuperare le mail cancellate prima di 24 ore

È perciò bene essere svelti nel muovere la mail desiderata nuovamente nella Posta ricevuta prima che sia troppo tardi.

Allo scoccare dell’ultimo secondo, ogni contenuto presente nel cestino verrà eliminato dal proprio account. Ed entra quindi in gioco il periodo di 7 giorni.

Dopo aver realizzato di aver perso ciò che si stava cercando, il secondo step è quello di passare all’assistenza Yahoo!

Se il proprio messaggio è stato cancellato o perso entro gli ultimi 7 giorni, sarà possibile inviare una richiesta di ripristino dal proprio account. Badare che si tratta di un tentativo: non sempre le richieste di ripristino file avranno successo.

Se la richiesta avrà successo, il file selezionato verrà automaticamente aggiunto nella stessa cartella in cui si trovava prima. Verificare quindi sia nella Posta in arrivo che nel Cestino.

Recupero mail da iCloud

Fedele al mese di tempo, anche il servizio mail di Apple garantisce 30 giorni di tempo per il recupero dei propri messaggi dal Cestino.

Come per ogni altro provider, bisognerà selezionare l’elemento interessato e muoverlo quindi nella sezione di Posta in arrivo.

Una volta oltrepassati i 30 giorni, anche in questo caso bisognerà rivolgersi al team assistenza di casa Cupertino.

Piccolo trucco: su iPhone, se viene cancellata una mail e l’utente si accorge subito dell’errore, sarà possibile riportarla indietro dando una piccola scossa allo smartphone. In questo modo uscirà un messaggio per annullare l’azione e la mail tornerà al sicuro nella propria casella di posta.

Tutta una questione di tempistiche

Come quindi si è potuto vedere, a prescindere dal proprio provider di posta elettronica, è sempre possibile recuperare i propri file apparentemente persi. Si tratta solo di riuscire ad accorgersi in tempo della mancanza.

Alcuni consigli possono tornare utili per restare dentro ogni tempistica:

  • Controllare la cartella della posta eliminata appena si ha del tempo, verificando che cosa è stato cestinato (specialmente per Yahoo! e le sue 24h di scadenza!)
  • Conoscere i tempi massimi di recupero per i propri file in base al provider (descritti sopra)
  • Verificare che il proprio file non sia stato per sbaglio spostato in una qualsiasi altra cartella (spam, lista nera, archivio, ecc.)
  • Aggiungere un pin/stella alle comunicazioni più importanti o riservare una cartella apposita di modo da non potersi mai sbagliare (“Le intoccabili” può funzionare)

E buona fortuna a chiunque stia lavorando per cercare una soluzione, noi di iRecovery sappiamo quanto sia frustrante perdere dati di valore.