Gli Spazzini del Web – ilGiornale.it – Gio, 17/05/2018 – 08:19

Agenzie specializzate per spiare il partner e cambiare i brutti voti

Usano i social come fossero un diario privato, pubblicano foto di sbornie collettive, commenti da stadio con tanto di imprecazioni.

Ci tengono a mostrare scollature un po’ troppo generose e non hanno veli, su niente.

On line i millenials sono sciolti, pure troppo. Ora però, dopo dieci anni di bacheche goliardiche e oltremodo discinte, gli ex adolescenti sono nella fase in cui cercano lavoro. Qui cominciano i guai. Altro che curriculum d’oro, altro che colloqui. La prima verifica che un datore di lavoro fa è proprio su Facebook. E basta una foto eccessiva o un commento a sfondo razzista per mandare all’aria tutto. Anche se il candidato conosce tre lingue e ha due lauree più specializzazione. «Le agenzie interinali e le banche – spiega Andrea Baggio, ad di ReputationUP – hanno un addetto dedicato a controllare i social e analizzare i profili. E spesso i giovani non capiscono i motivi per cui sono stati scartati pur avendo tutte le caratteristiche richieste. Per questo da sette mesi ci stiamo occupando di ripulire i profili dei ragazzi prima che vadano a cercare lavoro. Finora abbiamo affrontato una quarantina di casi ma le richieste sono in aumento. Al momento la web reputation non è ancora considerata un problema, ma lo diventerà sicuramente. Noi stimiamo che se ne prenderà consapevolezza entro il 2030». Della stessa idea anche la Clean Agency: «L’ondata di richieste di pulizia della propria immagine su web comincerà già tra un paio di anni – conferma Pietro Mencone – quando i giovani dei selfie disinibiti affronteranno i primo colloqui. Noi, che già seguiamo parecchi casi di bullismo, ci stiamo preparando a questo passaggio». Se i giovani non se ne rendono ancora conto, tanti genitori si sono già posti il problema: sono i padri preoccupati per le figlie i primi a chiedere il servizio di «pulizia», per cancellare le tracce di quelle immagini scanzonate che a 16 anni non sembrano nulla di grave, ma risultano scomode quando scatta l’età adulta.

Torna su

Contatta Andrea Baggio

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email